Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Stagione Thienese di Prosa con L'ISPETTORE GENERALE

Stagione Thienese di Prosa: un classico satirico L’ISPETTORE GENERALE

Il settimo appuntamento della Stagione Thienese di Prosa 2023/24 è martedì 27 febbraio 2024, repliche mercoledì 28 e giovedì 29 febbraio 2024, con L’ISPETTORE GENERALE, di Nikolaj Gogol nell’adattamento e regia di Leo Muscato con Rocco Papaleo in una produzione Teatro Stabile di Bolzano, Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale e Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale.

Rocco Papaleo è protagonista de “L’ispettore generale” di Nikolaj Gogol, uno dei più grandi capolavori della drammaturgia russa. Scritta quasi duecento anni fa, ma tragicamente più attuale di quanto si possa immaginare, rivive oggi grazie alla regia di Leo Muscato.

Stagione Thienese di Prosa: la commedia

Russia, 1836: per controllare la vita e l’operato dei suoi sudditi, lo zar Nicola I istituisce un nuovo organo di Stato chiamato Terza Sezione. È una sorta di inquisizione che persegue e ostacola tutti i liberi pensatori, fra cui Dostoevskij, Puškin e Gogol stesso. In breve tempo questo sistema scatena un processo di burocratizzazione della macchina amministrativa ed aumenta esponenzialmente il livello di corruzione fra i funzionari statali.

“L’ispettore generale” è una commedia satirica estremamente divertente che si prende gioco delle piccolezze morali di chi detiene un potere e si ritiene intoccabile. È forse l’opera più analizzata, criticata, incompresa, difesa, osteggiata, della letteratura russa di tutti i tempi. Gogol stesso si sentì in obbligo di scrivere diversi testi che fugassero i fraintendimenti sorti al suo debutto.

La trama, di per sé, è molto lineare e si basa su un equivoco:

Chlestakov (Daniele Marmi) è un frivolo viaggiatore di passaggio in un remoto paesino che viene scambiato per un alto funzionario dello Stato spedito dallo zar ad indagare sulla condotta dei funzionari cittadini. Il malinteso scatena conseguenze nefaste per i “notabili” del piccolo villaggio – primo tra tutti per il Podestà (Rocco Papaleo) – che si troveranno a vivere il giorno più lungo e tragico della propria esistenza, col timore di venire smascherati.

Non era la prima volta che sulle scene russe venivano rappresentati gli abusi quotidiani dei burocrati statali. Ma tutti i testi precedenti erano basati sulla contrapposizione fra il bene e il male, con personaggi positivi e negativi. Ne “L’ispettore generale”, invece, per la prima volta, i personaggi sembravano essere tutti negativi, e per gli spettatori dell’epoca, questo era inconcepibile. Persino il finale appariva eccessivamente ambiguo, sia perché sulla scena non venivano rappresentati il trionfo della giustizia e la punizione dei corrotti, sia perché non era esplicitato se il vero ispettore generale annunciato nell’ultima scena, avrebbe fatto giustizia o si sarebbe comportato come il falso revisore.

In realtà, il testo di Gogol è molto più metaforico che naturalistico e denuncia attraverso riso e comicità, la burocrazia corrotta della Russia zarista. “L’ispettore generale” conduce in un mondo in cui l’ingiustizia e il sopruso dominano l’esistenza. Ma non è l’uomo a essere malvagio; è la società che lo rende corrotto e corruttore, approfittatore, sfruttatore, imbroglione (Scheda dello spettacolo)

Martedì 27, mercoledì 28 e giovedì 29 febbraio 2024 

L’ISPETTORE GENERALE

di Nikolaj Gogol
adattamento e regia di Leo Muscato
con Rocco Papaleo
e con (in o.a.) Elena Aimone, Giulio Baraldi, Letizia Bravi, Marco Brinzi, Michele Cipriani,
Salvatore Cutrì, Marta Dalla Via, Gennaro Di Biase, Marco Gobetti, Daniele Marmi,
Michele Schiano di Cola, Marco Vergani
scene Andrea Belli
luci Alessandro Verazzi
costumi Margherita Baldoni
musiche originali Andrea Chenna

 Produzione Teatro Stabile di Bolzano, Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale e Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale

Tutti gli spettacoli della 43^ Stagione Teatrale di Prosa iniziano alle ore 20.45.

Per informazioni e prenotazione: Ufficio Cultura negli orari di apertura al pubblico, piazza A. Ferrarin 1, tel. 0445-804.745-746teatro@comune.thiene.vi.it e cultura@comune.thiene.vi.it

La vendita al botteghino è possibile da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Per l’acquisto on line: myarteven.it e vivaticket.com

Il programma della 43^ Stagione Teatrale Thienese è consultabile nei siti: www.comune.thiene.vi.it – www.myarteven.it – www.vivaticket.com e presso tutte le aziende di promozione turistica del vicentino.

(ph Tommaso Le Pera)

Thiene, 20 febbraio 2024

Fonte: ufficio Stampa – Comune di Thiene (VI)

Un commento su “Stagione Thienese di Prosa: un classico satirico L’ISPETTORE GENERALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *