Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Abbandono di rifiuti

Abbandono di rifiuti: i cittadini di Malo si rimboccano le maniche

Il Sindaco: <senso civico da lodare> abbandono di rifiuti

In municipio sono giunte, nei giorni scorsi, tre diverse segnalazioni relative all’intervento di due cittadini e di un’associazione, tutti rivolti alla raccolta di rifiuti abbandonati in luoghi frequentati dalla comunità. Giuseppe Brunello ha ripulito l’area di Santa Libera. Area cara non solo per la presenza del santuario mariano che proprio nel mese di settembre ha la sua festa, ma anche dei monumenti ai caduti nelle guerre. La zona viene sovente usata di notte da gruppi di vandali che fanno bisboccia con alcolici e superalcolici. Fanno bisboccia per poi lasciare la sporcizia laddove i maladensi poi passano. Alcuni di loro, tutti minorenni, qualche settimana fa erano stati individuati dalla polizia locale e poi costretti a ripulire la zona.

Come Brunello, anche Mario Lanaro, maestro di musica e noto compositore, ha provveduto a raccogliere le immondizie nella zona del Pascoletto. Infine i volontari del Moto Club Malo hanno riempito sette sacchi di rifiuti lasciati da ignoti in zona Pini.

<Se da un lato è da condannare fermamente chi li abbandona – afferma il sindaco Moreno Marsetti – dall’altro non posso che complimentarmi con questi concittadini per il loro esemplare comportamento. La nostra amministrazione comunale è attenta all’ambiente ma lo è altrettanto buona parte della nostra cittadinanza che ha a cuore il decoro di Malo. L’invito è a seguire il loro esempio ma pure a segnalare eventuali criticità legate all’abbandono di rifiuti e a darci una mano a stanare e sanzionare i colpevoli>.

Fonte: Comune di Malo (VI) – Ufficio Stampa

Malo, 20 settembre 2023

Abbandono dei rifiuti

Abbandonare oggetti o prodotti di scarto, siano essi solidi o liquidi, può costare molto caro al trasgressore. A prescindere dalla grandezza del rifiuto stesso, questo tipo di comportamento è severamente vietato ed è punito con sanzioni amministrative e, in alcuni casi, anche penali.

Fonte Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *