Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Halloween

Halloween al Castello di Thiene: un’esperienza horror nelle antiche sale

La notte di Halloween: domenica 30 e lunedì 31 ottobre “Post Mortem”, un percorso avventura spaventoso, solo per i più coraggiosi.

Si dice che nella notte di Halloween il velo che separa il mondo dei vivi da quello dei morti diventi così sottile da poter essere attraversato: i morti possono così tornare dall’aldilà ed entrare in contatto coi vivi. Oscure presenze popolano il Castello di Thiene in questi giorni, anime dannate che non amano essere disturbate: chi oserà affrontarle?

I più temerari sono attesi all’evento “Post Mortem”, in programma al castello domenica 30 e lunedì 31 ottobre. Si tratta di un’esperienza horror immersiva, unica, un percorso tra i corridoi e i saloni del castello, consigliato solo a chi ha coraggio e a chi ama vivere ad Halloween avventure spaventose da ricordare. L’evento è un progetto ideato e realizzato da Caraval, che l’anno precedente ha terrorizzato con grande successo gli ospiti del castello con l’evento Asylum.

Post Mortem” inizierà alle 18.30. La durata del percorso è di circa 35 minuti, con ingressi ogni 15 minuti. Il costo del biglietto è di 15 euro. La prenotazione è obbligatoria fino ad esaurimento posti. L’evento è riservato ad adulti e ragazzi dai 14 anni in su, in grado di sopportare la tensione di un percorso avventura spaventoso.

Si può prenotare l’evento a questo link del sito del Castello di Thiene: https://www.castellodithiene.com/it/notizie/Post_Mortem.aspx

Il video: https://fb.watch/gnjJgXzBOi/
Informazioni: 
info@castellodithiene.com
Indirizzo: Castello di Thiene, Corso Giuseppe Garibaldi, 2, 36016 Thiene (VI)

halloween castello di thiene

Il Castello di Thiene breve storia:

il castello di Thiene è considerato il più cospicuo edificio gotico del XV sec. sorto nel vicentino ad uso di dimora civile; straordinario esempio di villa veneta pre-palladiana, unico esemplare del suo genere, sia per caratteristiche architettoniche che per destinazione funzionale, caposaldo nell’evoluzione delle ville venete.

La villa veneta, dal punto di vista architettonico, ha trovato la sua più compiuta espressione nel XVI secolo con le costruzioni di Andrea Palladio (1508 – 1580), che riuscì a sintetizzare le esigenze estetiche e funzionali in un tipo di villa che rimase sostanzialmente lo stesso fino alla caduta della Serenissima nel 1797. Ma Palladio non inventò il concetto di villa: rinnovò le forme che queste dimore agricole avevano già acquisito nel corso dei secoli precedenti.

Il castello si pone quindi come modello per i successivi sviluppi delle ville venete, in quanto residenza signorile e luogo di vita colta e raffinata in campagna dove erano legati gli interessi della famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *