Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Ca' 30 Calcio

Associazione Ca’ 30 Calcio e ANFASS: un bel progetto di inclusione

Si è concluso ieri al campo sportivo di Ca’ Trenta, il progetto dell’omonima associazione ASD Ca’ 30 Calcio che ha visto il coinvolgimento di 9 ragazzi e ragazze dell’ANFASS.

I complimenti del Sindaco Orsi e degli assessori Munarini e Marigo.

E’ stata soprattutto una grande festa quella che si è svolta ieri al campo sportivo di Ca’ Trenta con il 5° e ultimo appuntamento. Un progetto promosso dalla neonata (maggio 2022) associazione ASD Ca’ 30 Calcio in cui sono stati coinvolti alcuni giovani dell’ANFASS.

L’iniziativa è nata da Michela Trabucco, presidente dell’associazione e dal suo vice Mauro Sesso che hanno inteso dare il via a un’attività all’aria aperta, per giovani con disabilità.

Attività nello spirito dello sport e del gioco e affermando valori che vanno oltre la prestazione e la competizione.

Michela figlia di Aldo, già dirigente sportivo, scomparso un anno fa e a cui il campo di Ca’ Trenta è stato intitolato, si dice convinta che il progetto sarebbe piaciuto al papà. Michela guarda già avanti per una sua prosecuzione, magari anche “alzando l’asticella” e coinvolgendo portatori di altre disabilità.

Entusiasti anche il sindaco Valter Orsi che con l’assessore allo sport Aldo Munarini e l’assessore al sociale Cristina Marigo, hanno partecipato alla cerimonia conclusiva con la consegna delle medaglie.

Coinvolti dall’euforia generale, tanto il sindaco che l’assessore allo sport non si sono sottratti al tentativo di parare in porta una serie di rigori calciati dai ragazzi, uno più sorridente dell’altro.

Fonte: Comune di Schio

associazione Ca' 30 Calcio

associazione Ca' 30 Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *