Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Porte del Pasubio 16-9

A Schio aperta la mostra “Porte del Pasubio 1916-2022”

A cinque anni dalla mostra per i cento anni della Strada delle 52 Gallerie, una grande mostra fotografica con oltre trecento immagini dedicata al Pasubio.

Al Museo Civico Palazzo Fogazzaro di Schio, è visitabile la mostra “Porte del Pasubio 1916-2022. Dalla città della guerra al Rifugio Papa” fino al 26 marzo 2023. La mostra fotografica, curata da Claudio Rigon, è intitolata a Porte del Pasubio che della montagna è, come dice il nome, la porta di accesso e anche il punto dove arriva la Strada delle 52 Gallerie.

La mostra, nel dettaglio

L’esposizione ricostruisce e racconta centocinque anni di storia di Porte del Pasubio: la città della guerra; il rifugio; la scoperta della montagna e la nascita dell’alpinismo; il turismo che diventa di massa.

Lo fa riunendo insieme più di trecento fotografie, per la quasi totalità inedite, ritrovate in gran parte presso archivi familiari, biblioteche e musei. In particolare, nelle prime due sezioni viene raccontata la guerra, ma ancora di più il bisogno di casa e di paese che ogni soldato provava.

La mostra testimonia come questo luogo dalla forte valenza simbolica sia entrato a far parte della vita della comunità scledense anche grazie alla scelta del CAI di Schio di costruire qui, su una casa dei soldati, il suo rifugio subito dopo la fine della Prima guerra mondiale. Inaugurato nel 1922, si chiamava Rifugio Pasubio. Ampliato più volte negli anni successivi, è ora il Rifugio Papa, dal nome del generale a comando delle operazioni militari dell’epoca.

Il percorso espositivo si sviluppa in dodici sale ed è articolato in quattro sezioni: “1916-1920.

La città della Guerra”, “1922-1937. Il Rifugio Pasubio”, “1935-1939. Dal Pasubio eroico al Pasubio turistico”, “1945-2022”. Il Rifugio Papa”.

Questa mostra, che insieme alla precedente dedicata alla Strada delle 52 Gallerie forma un ideale dittico dedicato alla montagna del Pasubio. Racconta per immagini la storia di un luogo, ma ancor di più il legame, che ognuno ha costruito con esso negli anni – sottolinea il curatore Claudio Rigon -. Dalle fotografie emerge una narrazione nella quale il visitatore riconoscerà la maturazione e l’evoluzione di un legame fortissimo che il territorio ha con Porte del Pasubio e con tutta la montagna. Una connessione che si condensa e trova casa nel Rifugio Papa. Il mio auspicio è che con questa mostra anche Porte del Pasubio diventi un luogo del mito, come oggi è la Strada delle 52 Gallerie”.

Orari di visita

Da mercoledì a domenica ore 10.00 – 19.00; lunedì e martedì chiuso.
Apertura straordinaria: lunedì 26 dicembre; chiusure straordinarie: 25 dicembre,
1 gennaio apertura con orario ridotto ore 14.00 – 19.00

https://portedelpasubio.it/

Eventi collaterali

In occasione della Giornata nazionale delle Famiglie al Museo, il 9 ottobre il Museo Civico Palazzo Fogazzaro di Schio propone un gioco cooperativo legato alla mostra “Porte del Pasubio 1916-2022. Dalla città della guerra al Rifugio Papa”.

Domenica 9 ottobre dalle 10 alle 16, i bambini e i ragazzi dai 6 ai 12 anni potranno partecipare a “Costruiamo la strada che ci unisce“. Un grande gioco da tavolo che li condurrà alla scoperta della realizzazione della Strada delle 52 gallerie e della costruzione del Rifugio Papa sul Monte Pasubio. La partecipazione per i bambini è gratuita e non è necessaria la prenotazione.

Costruiamo la strada che ci unisce” è una delle tante iniziative proposte in tutta Italia per la nona edizione della Giornata nazionale delle Famiglie al Museo, ideata per promuovere e facilitare l’incontro tra le famiglie e i molti luoghi espositivi che arricchiscono il nostro Paese. L’edizione “FAMU 2022 – Diversi ma uguali” parlerà ai bambini di inclusione, unicità, accoglienza ed esorterà i musei a riflettere anche sul tema dell’accessibilità.

Fonte: Comune di Schio

Locandina_Mostra_Porte_Pasubio

 

2 commenti su “A Schio aperta la mostra “Porte del Pasubio 1916-2022”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *