Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

buoni 16-9

Malo: “…mica buoni, a fare le passeggiate letterarie!”

Domenica 18 settembre 2022, si terrà, “…mica buoni, a fare le passeggiate letterarie!” a cura dell’Associazione Culturale Luigi Meneghello in collaborazione con il Comune di Malo.

Enego-Altopiano dei Sette Comuni (strada per Gallio-Campomulo).

Da Malga Fossetta a Porta Incudine in compagnia di Luigi Meneghello.

Ritrovo a Malga Fossetta ore 10:00. In alternativa, partenza da Malo alle ore 7:45 dal piazzale di fronte alla Chiesetta di San Bernardino.

Passeggiata letteraria della durata di 3 ore circa comprese le soste di lettura ad alta voce.

Si raccomandano scarpe e abbigliamento adeguati. Per chi desidera, a seguire pranzo al sacco.

Letture a cura dell’Associazione Culturale Luigi Meneghello. Accompagnamento musicale di Fiorella Mauri.

“…mica buoni, a fare le passeggiate letterarie! Evento gratuito.

Ai partecipanti sarà donata la guida al sentiero.
Per facilitare l’organizzazione dell’evento è gradita prenotazione sul sito www.luigimeneghello.it

Evento annullato in caso di maltempo.

Per informazioni contattare il numero: 0445585293 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo: cultura@comune.malo.vi.it
oppure contattare Valter Voltolini al numero: 3401457492

Fonte: Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli
Malo Locandina 18 settembre 22

Breve profilo biografico:

Luigi Meneghello è uno degli scrittori più rappresentativi e originali della letteratura italiana ed europea contemporanea. E’ nato a Malo nel 1922 e morto a Thiene nel 2007.

Le vicende della sua vita sono narrate nei diversi libri pubblicati a partire dal 1963. L’educazione culturale e scolastica (Libera nos a maloPomo peroFiori italiani), l’esperienza della Resistenza combattuta da partigiano tra l’Agordino, l’Altipiano di Asiago, le colline vicentine e le città di Vicenza e Padova (I piccoli maestri), la laurea a Padova nel 1945, il primo dopoguerra e il dispatrio in Inghilterra nel 1947 (Bau-sète!Il DispatrioPromemoria), il matrimonio nel 1948 con Katia Bleier, la carriera di insegnante nel mondo accademico inglese tra il 1948 e il 1980, lo studio appassionato della lingua e della scrittura e delle loro potenzialità espressive (JuraLa materia di ReadingMaredè, maredè…Le CarteTrapianti, e altri testi minori).

In Italia la sua opera è stata ampiamente, ma tardivamente, riconosciuta da vari premi letterari: Bau-sète! ha vinto nel 1988 il premio Bagutta; Maredè, maredè… nel 1992 il premio Nonino Risit d’Aur; Il dispatrio nel 1994 il Mondello; La materia di Reading e altri reperti ha vinto nel 1997 i premi Angelini e Vailate. Nel 2001 ha ricevuto il premio Chiara alla carriera, nel 2003 il premio Calepino, nel 2007, alla vigilia della scomparsa, il premio “Antonio Feltrinelli” per la narrativa dell’Accademia dei Lincei. Ha ricevuto inoltre numerosi riconoscimenti accademici, come le lauree ad honorem delle Università di Reading (1988), Torino (2002), Perugia (2003), Palermo (2007); è stato membro di numerose accademie, fra cui l’Accademia Olimpica di Vicenza e l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Le sue principali opere sono tradotte nelle più diffuse lingue europee: inglese, francese, tedesco, spagnolo.

Libera nos a malo e I piccoli maestri

hanno ispirato realizzazioni teatrali e cinematografiche; il regista Carlo Mazzacurati gli ha dedicato uno dei suoi Ritratti.
Meneghello è stato giustamente inserito nella ristretta rosa di autori indicati nei programmi scolastici ministeriali per la narrativa novecentesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *