Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Museo del Priaboniano

Passa una giornata al Museo del Priaboniano con noi

Domenica 4 settembre 2022, si terrà, a partire dalle ore 9:30, presso il Museo del PriabonianoPassa una giornata a Priabona con noi, organizzata dal Comune di Monte di Malo in collaborazione con l’Associazione Priaboniano Biosphaera.

Visita al Museo del Priaboniano: alla scoperta dell’antico mare di Priabona, tra squali giganteschi, coralli, granchi ed una grande novità.

Il museo sarà accessibile dalle ore 9:30 alle ore 12:30.

Tariffe: € 3,00 a persona. Iscrizione non necessaria.

Per maggiori informazioni inviare un’e-mail a: priaboniano@yahoo.com

Fonte: Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli

Visita_al_Museo_del_Priaboniano

Cenni di storia del Museo del Priaboniano

Una storia lunga più di 200 anni

Geologia, carsismo, speleologia e paleontologia

IN UN LONTANO 1893…Un luogo unico, uno strato roccioso definito Stratotipo del Priabobiano individuato proprio nel territorio del comune di Monte di Malo (VI): è questo il cuore del Museo, ed è anche il punto da cui inizia la nostra storia.

1893

Tutto inizia da questa data, la fatidica data nella quale i due geologi parigini Ernest Munier-Chalmas e Albert De Lapparent propongono l’istituzione del piano geologico Priaboniano.

1990

Ma bisogna aspettare il 1990, anno in cui correva il centenario della classificazione dello Stratotìpo del Priaboniano per veder nascere il Museo. Nella sua forma iniziale che, pur se modesta, offriva al visitatore una chiara panoramica degli eventi geo-paleontologici che caratterizzarono i periodi di tempo che vanno dal Cretaceo al Miocène (65 – 10 M. a. fa).

2004

Nel 2004 viene aggiunta un’ulteriore piccola sala dedicata al naturalista Aldo Allegranzi.

2006

Viene inaugurata una terza sala, dedicata al Dr. Andrea Rigoni, con coloratissime illustrazioni e stupendi reperti, descrivono “il nostro ambiente” durante il periodo oligocènico (36 – 24 M.a. fa).

OGGI

Il museo espone e raccoglie numerosi reperti paleontologici, tra cui alcune rarità e pezzi unici a livello europeo. Bivalvi, gasteropodi, foraminiferi, spugne, coralli, briozoi, denti di pesce cenozoici oltre che vertebrati dell’ultimo periodo glaciale.

E poi rocce, tempo geologico, fossili, il carsismo del Buso della Rana. Fra i reperti più interessanti vi sono un rarissimo cranio fossile di ghiottone pleistocenico. Uno scheletro fossile di alce femmina con il piccolo, il legno fossile di Ficus più antico d’Europa e una nuova specie di granchio scoperta di recente.

Queste preziose collezioni trovano il loro spazio in quattro nuovissime sale appositamente allestite e ospitate dal 2018 nel nuovo edificio, comodamente raggiungibile e accessibile. Dal Passo di Priabona (dove sorge il Museo) la vicina grotta del Buso della Rana e lo splendido Altopiano di Faedo, con le numerose possibilità escursionistiche, completano l’offerta didattica territoriale.

Fonte: dal sito del Museo del Priaboniano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *