Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Sformatini morbidi di pandoro

Sformatini morbidi di pandoro, pere con salsa all’arancio e mandorle

Sformatini morbidi
di pandoro, pere
con salsa all’arancio e mandorle

Cari amici lettori,
è iniziato il conto alla rovescia per il pranzo, cena e Vigilia… il Natale si avvicina, il freddo, le giornate sempre più corte, le prime luci, le decorazioni in città… e porta con sé tutta la sua magia!
Giornate di festa in cui il cibo è senza dubbio un elemento importante e fervono i preparativi per passare memorabili giornate in famiglia all’insegna del buon umore e del buon cibo! Se ancora vi state chiedendo come si comporrà il vostro menù della Vigilia o il menù di Natale, quali antipasti, primi e secondi sfiziosi, quali dessert preparare, siamo qui per aiutarvi con una ghiotta ricetta a cui ispirarvi, un dessert sfizioso e perfetto per concludere in bellezza i pranzi e le cene nel periodo natalizio: gli sformatini morbidi di pandoro e pere con salsa all’arancio. Questo dessert utilizza in modo raffinato il pandoro e si presta a sostituire con eleganza la semplice fetta del dolce tradizionale. Lo sformatino è ricco di sapori e profumi, la salsa all’arancia aggiunge una nota piacevolmente delicata e la necessaria freschezza.

Ma ora vediamo insieme la ricetta nella sua completezza.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE
200 ml di panna
60 gr di zucchero semolato
qb zucchero a velo
3 uova intere grandi
220 gr di pera kaiser (polpa pulita)
170 gr di pandoro
qb di burro e farina per gli stampini

PER LA SALSA
3 arance
100 gr di zucchero di canna
100 gr di mandorle a filetti
1 cucchiaio di maizena o di fecola di patate

PROCEDIMENTO
Tagliate il pandoro a cubetti, spolverizzatelo con lo zucchero a velo e tostatelo in forno a 170° per almeno 12 minuti (prenderà un bel colore oro scuro).
Pelate e tagliate la pera a dadini. In una terrina sbattete le uova con lo zucchero, unite la panna liquida, le pere ed il pandoro tostato.
Imburrate gli stampini, infarinateli e versatevi il composto preparato. Passate in forno caldo a 170° per 25 minuti circa.
Per la salsa, con l’aiuto di un pelapatate recuperate la scorza di un’arancia, tagliatela a julienne e scottatela un minuto in acqua bollente.
In un pentolino sciogliete lo zucchero con il succo di tre arance, unite la scorza e fate bollire per 3 minuti. Aggiungete la maizena fatta stemperare in poca acqua fredda, mescolate per qualche minuto (se usate la fecola) levate dal fuoco e lasciate raffreddare.
In un contenitore mettete i filetti di mandorla, bagnateli con qualche goccia d’acqua, zuccherateli con un cucchiaio di zucchero e sistemateli in una teglia foderata di carta forno, in un unico strato.
Mettete in forno e tostateli a circa 170° per 12/15 minuti. Appena tiepidi, sistemate gli sformatini su un piattino, irroratelo con un cucchiaio di salsa d’arancia, appoggiate sopra qualche filetto di mandorla e spolverate di zucchero a velo.
Gli sformatini morbidi di pandoro, pere con salsa all’arancio e mandorle, sono ottimi tiepidi, perfetti anche freddi, noi in questo caso consigliamo di scaldare la salsa all’arancia un paio di minuti prima di servirli. Sono eccellenti anche accompagnati da una salsa al cioccolato o alla nutella.

VINO DA ABBINARE
Consiglio un vino dell’Azienda Vinicola Le Vie Angarano il Torcolato Riserva ‘San Bortolo’ Le Vie Angarano. Il “San Bortolo” di Angarano è un tipico Torcolato di Breganze realizzato con uve Vespaiola lasciate appassire in fruttaio per almeno quattro mesi. Viene affinato in barrique per un anno così da donare al naso aromi intensi di frutta candita, agrumi, cioccolato e frutta secca tostata. In bocca è morbido e avvolgente, sostenuto da decisa freschezza e bilanciato da spunto alcolico e guizzo sapido.
Colore: giallo ambrato brillante.
Profumo: scorza di arancia candita, cedro e bergamotto, mandorle e nocciola, frutta gialla matura e albicocca.
Gusto: piacevolmente dolce, supportato da decisa freschezza, contenuto alcolico equilibrato e sbuffi minerali.

Identità gustose
ricetta del mese – a cura della Redazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *