Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

zucca

Zucca in saòr alla veneta con cipolla, uva passa e pinoli

La zucca è il sole arancione dell’autunno, per questo abbiamo pensato ad un piatto di ispirazione veneta, la “zucca in saòr” ovvero zucca alla veneziana dove “saòr” sta per “sapore”. Questa prelibatezza è molto apprezzata anche da chi segue una dieta vegetariana. La ricetta è semplice da realizzare: vi basterà avere solo un po’ di tempo a disposizione e seguire i passaggi. La zucca in saòr, così cucinata, è perfetta come contorno dal piacevole sapore agrodolce, ideale accanto a formaggi o secondi di carne. La zucca è per eccellenza la sovrana indiscussa della stagione autunnale. Con il suo colore arancione acceso e la sua forma che varia a seconda della tipologia scelta è, a tutti gli effetti, l’ortaggio con la O maiuscola da mettere in tavola, se non tutti i giorni, quantomeno più volte durante la settimana. Questo perché è ricca di proprietà benefiche per l’organismo, da definirsi addirittura quasi miracolosa. Oltre ad essere un alimento squisito, è abbinabile sia al dolce che al salato, la zucca è soprattutto una vera bomba di proprietà essenziali per il nostro organismo: contiene fosforo, calcio e ferro, utilissimi in una dieta sana e bilanciata ma è, anche e specialmente, un concentrato di benessere psicofisico. La prima caratteristica che la rende speciale, e che riesce a strapparci un “evviva!” dalle labbra, è che sia un alimento povero di grassi. Nonostante il suo gusto dolce e zuccherino, infatti, l’ortaggio è colmo d’acqua e ha pochissime calorie: solo 26 per 100 grammi. Via libera quindi alla zucca senza rinunciare al piacere, mettendo la sua polpa in più piatti. Al di là di tutto ricordiamo: della zucca non si butta nulla! Anche i suoi semi, una volta puliti, sono preziosissimi e ricchi di proprietà benefiche. Ne bastano pochi al giorno e il colesterolo “cattivo” nel sangue diminuirà velocemente. È utilissima anche nel campo della cosmesi grazie alle sue proprietà lenitive, l’ortaggio è da considerarsi al pari di altri vegetali carichi d’acqua come l’aloe vera.

Vediamo insieme la ricetta nella sua completezza.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
600 g di zucca Delica pulita
1 cipolla di Tropea
60 g di uva passa
20 g di pinoli
1/2 bicchiere d’aceto di vino bianco
un po’ di vino bianco
olio extravergine d’oliva
qb sale
qb pepe nero

PROCEDIMENTO
Trasferite l’uvetta in una ciotolina, coprite con acqua e aceto (un cucchiaio o due) e lasciate in ammollo per una decina di minuti.

Per preparare la zucca in saòr, iniziate dalla zucca: dopo averla pulita tagliatela a fette abbastanza sottili, circa ½ centimetro. Scaldate l’olio in padella e fate cuocere la zucca a fuoco medio, aggiungendo un po’ d’acqua se necessario. Aggiungete un pizzico di sale, abbondante pepe nero e proseguite la cottura fino a quando sarà tenera.
A parte fate rosolare la cipolla affettata finemente, salate leggermente, poi sfumate con l’aceto e un goccio di vino bianco. Lasciate evaporare aceto e vino, unite uvette e pinoli e fate stufare le cipolle a fuoco lento, aggiungendo un po’ d’acqua se necessario, fino a quando saranno morbide.
Disponete uno strato con le fette di zucca nella teglia, coprite con le cipolle calde e fate un secondo strato, ripetete l’operazione fino a completare gli ingredienti. Terminare con uno strato di cipolle. Coprite bene la teglia e fate riposare la zucca in saòr in frigorifero per una notte intera.
La zucca in saòr è pronta, servitela a temperatura ambiente.

NOTE E CONSIGLI:
– in alternativa alle cipolle rosse si possono essere utilizzate le cipolle bianche.
– in alternativa all’aceto di vino bianco può essere utilizzato l’aceto balsamico o aceto di mele (per un risultato ancora più delicato).
– per un sapore e una consistenza ancora più interessante tosta i pinoli in un padellino a fuoco dolce per un paio di minuti.
– se gradita aggiungi una foglia di alloro alle cipolle durante la cottura.
– in alternativa alla cottura in padella la zucca può cotta anche in forno.

VINO DA ABBINARE
Consiglio il Vespaiolo ‘Brenta’ Le Vie Angarano 2020.
Il Bianco “Brenta” di Le Vie Angarano è un vino bianco del vicentino ottenuto da uve Vespaiola in purezza, affinato esclusivamente in acciaio per esaltare i sentori varietali dell’uva. Grazie alla cura minuziosa delle piante si ottiene un bianco dagli aromi agrumati freschi, che ricordano nettamente il pompelmo rosa, il lime ed il limone di Sicilia, arricchite da sentori di geranio e gelsomino. Il sorso è persistente, agile ed equilibrato, supportato da una grande freschezza. Vino Biologico.

Identità gustose
ricetta del mese – fonte cucchiaio.it a cura della Redazione

zucca in saòr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *