Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

arte da marte opera ottava1

Arte da Marte: Opere d’Arte che ci parlano di Natale

Arte da Marte: Opere d’Arte che ci parlano di Natale

Cari lettori,

anche il 2020 si è concluso, certo non con pochi problemi, siamo ancora in piena emergenza Covid-19 e credo che da molto tempo non si respirasse voglia di Natale come quest’anno. Molti hanno spolverato vecchie ricette dalla nonna, preparato addobbi e allestito al meglio casa, io come tutti voi e tra i tanti volumi d’arte che ho in casa ho cercato delle opere che ci parlassero di Natale così da potervele proporre per questa importante occasione.

Partiamo in ordine temporale con Giotto da Bondone, Natività di Gesù, 1304-1306, intonaco, 2,00 m x 1,85 m, Cappella degli Scrovegni a Padova. Quest’opera fa parte di un ciclo di opere “Storie di Gesù” presenti presso la Cappella degli Scrovegni di Padova, il questo affresco la figura di Giuseppe è come in altre opere messo in disparte per evidenziare il suo ruolo non attivo nella procreazione.

Segue il Beato Angelico, Adorazione del Bambino, 1440-1441 circa, affresco, 193×164,5 cm, convento di San Marco, Firenze. Il frate domenicano Beato Angelico considerava la pittura un atto di devozione come il pregare, si narra infatti che dipinse la famosa “Crocifissione” inginocchiato e in lacrime. L’opera Adorazione del Bambino è stata realizzata per decorare le stanze del convento di San Marco a Firenze.

Proseguiamo con Piero della Francesca, Natività, 1470-1475, olio su tavola, 124,4×122,6 cm, National Gallery, Londra. Sicuramente uno dei più interessanti artisti italiani, famoso per i suoi calcoli matematici che regolano la disposizione degli elementi sulle sue opere e per le figure simboliche, proprio queste si evidenziano nella Natività con l’asino che raglia a fianco al coro degli angeli che inneggiano al Gesù Bambino. Tale contrasto evidenzia la netta contrapposizione tra la volgarità terrena e la poesia celeste. La gazza appollaiata sulla tettoia è invece simbolo della follia umana che già preannuncia la futura crocifissione di Cristo.

A seguire Sandro Botticelli, Natività Mistica, 1501, pittura a olio su tela, 108,5×75 cm, National Gallery, Londra

L’opera è considerata “mistica” per i numerosi significati simbolici in essa contenuti, che paiono collegare la nascita di Cristo al Giudizio Universale che, secondo le Sacre Scritture, porterà alla riconciliazione degli uomini con Dio.

Troviamo poi Giorgione, Adorazione dei pastori o Natività Allendale, 1500-1505 circa, olio su tavola, 90,8×110,5 cm; National Gallery of art, Washington DC per la quale sono accreditata come insegnate del pensiero critico per le opere d’arte in esso esposte. Paesaggio e colore in questo dipinto lo sfondo placido e sereno fa da contorno ad una scena in cui prevalgono la dolcezza e il silenzio. Grande attenzione è data ai colori, che spezzano la continuità del paesaggio, evidenziando i protagonisti dell’opera: San Giuseppe, Maria e il piccolo Gesù.

E’ il momento di Tiziano, Sacra Famiglia con pastore, 1510 circa, olio su tela, 99×137 cm, National Gallery, Londra. In questo dipinto l’artista veneto racconta la natalità ponendo l’accento sulla visita dei pastori, tra i primi ad omaggiare il nascituro. Tele scelta è evidenziata anche da un dettaglio a destra sullo sfondo. Se osservate bene il dipinto si nota infatti un angelo che dà l’annuncio della nascita ad altri pastori con il loro gregge.

Arriva poi Caravaggio, Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi, 1600 o 1609, olio su tela, 298×197 cm opera rubata e forse distrutta. Ciò che colpisce nel dipinto è la resa realistica dei personaggi, rappresentati come individui poveri e umili, come dovevano apparire la notte di Natale san Giuseppe e Maria, in cerca di un posto dove dormire. La madonna, in particolare, è rappresentata nella sua essenza terrena, come una madre stanca dopo il parto che ammira Gesù bambino, frutto del suo grembo.

Questi sono solo sette ma lo spazio ahimè non è sufficiente per continuare questa escalation, talmente tante sono le rappresentazioni di questo evento così importante per la religione Cristiana.

Colgo quindi l’occasione per salutare tutti i lettori, di augurare un buon Natale e felice e sereno 2021 con l’augurio che il prossimo anno veda il virus Covid-19 come un ricordo.

Al prossimo anno dunque ….

Info & Contatti:

operaottava@gmail.comwww.operaottava.it

FB: https://www.facebook.com/operaottava/

Arte da Marte: Opere d’Arte che ci parlano di Natale

a cura di Michela Barausse (founder OperaOttava Arte)

Gruppo News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *