Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

identità gustose rostichef

Identità gustose: spalla di vitello brasata con purè di patate e sedano rapa

Identità gustose: spalla di vitello brasata con purè di patate e sedano rapa

Cari amici lettori,

questo mese vi proporvi un secondo piatto di carne la “spalla di vitello brasata” con purè di patate e sedano rapa, una carne di una tenerezza unica, una consistenza ed un gusto che otterrete solo con la bassa temperatura e cottura lenta, in questo modo le carni non si stressano e risulteranno morbide come un tonno, un metodo più semplice di quanto sembri, economico e porta a risultati incredibili in termini di sapore. Un classico invernale che non poteva mancare nel ricettario della mia Rosticceria.

Vediamo insieme i segreti e le tecniche per fare il brasato a casa. E se non avete tempo o voglia di cuocere lo trovate presso la mia rosticceria Rostichef di Marano Vicentino.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

1,2 kg taglio di spalla di vitello (girello)

1 cipolla

1 carota

1 costa di sedano

250 gr salsa di pomodoro pelati

2 dl di vino rosso

qb sale e pepe

olio extra vergine di oliva

PER LA PURE’

700 gr di patate

300 gr di sedano rapa

qb sale

qb noce moscata

qb burro

qb latte

PROCEDIMENTO:

Iniziate rosolando la carne, girandola bene da tutti i lati. Bagnate con il vino e lasciate evaporare l’alcol. Aggiunte quindi le verdure tagliate alla paesana (taglio irregolare di circa 1 cm per lato) e la salsa di pomodoro. Salate, pepate e cuocete per circa 2 ore a fuoco molto basso. A cottura togliete il pezzo di carne, lasciatelo inumidire e tagliate a fette dello spessore di 1 cm.

PER LA PURE’:

Bollite le patate e il sedano rapa fino a renderli teneri poi schiacciate con il schiacciapatate e procedete come per un purè di patate classico.

Servite il vostro brasato su fondina, accompagnato dalla purè calda, con crostini, volendo anche qualche fogliolina di menta al centro e un filo di olio EVO.

VINO DA ABBINARE:

Consiglio un Cabernet Sauvignon più rotondo e fruttato, ideale se preferisci un abbinamento morbido ed elegante. Bere un buon Cabernet è un’esperienza unica, sollecita i sensi, soprattutto grazie ai suoi tannini poderosi che donano al vino una sorprendente struttura.

 Ci rivediamo il prossimo mese con un’altra specialità tutta da gustare.

ricetta del mese a cura di Aliona Doni

Identità gustose: spalla di vitello brasata con purè di patate e sedano rapa

Gruppo News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *