Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

aero club vicenza

Il sogno di volare: gli strumenti di volo

Gli strumenti di volo sono gli strumenti mediante il quale i piloti ricevono le informazioni riguardanti il volo e la sua condotta.

 

Sono definiti sei infatti gli strumenti fondamentali e sono solitamente disposti sul cruscotto dei velivoli a forma di “T” e comodamente accessibile alla visione del pilota.

 

I primi tre che vi illustro funzionano grazie a delle prese statiche e dinamiche all’esterno del velivolo, tra cui il tubo di Pitot, i quali danno la pressione atmosferica esterna.

L’Anemometro: indica la velocità dell’aeroplano desumendola dalla pressione d’impatto dell’aria misurata dalla capsula dello strumento.

L’altimetro: indica la quota di volo desumendola dalla differenza tra una pressione di riferimento e la pressione atmosferica misurata dalla capsula dello strumento. Lo strumento stesso ha delle lancette (come un orologio) le quali danno le letture delle quote.

Il variometro: indica la velocità verticale di salita o discesa del velivolo desumendola dalla velocità di variazione della pressione atmosferica misurata nella capsula.

 

Ci sono poi gli altri tre strumenti fondamentali che funzionano con un meccanismo giroscopico:

L’orizzonte artificiale: che riproduce la posizione dell’orizzonte naturale, indispensabile anche quando il secondo non è ben visibile.

Il coordinatore di virata: indica la velocità angolare d’imbardata e il momento di rollio del velivolo. Ad esso associato c’è sempre uno sbandometro, costituito da un tubicino al cui interno è una pallina che ci indica la posizione verticale apparente (come fosse un filo di piombo). L’intero strumento che riunisce coordinatore di virata e sbandometro si chiama appunto virosbandometro.

Il girodirezionale: indica la direzione dell’asse longitudinale dell’aereo sul piano orizzontale, e viene preferito alla lettura della bussola magnetica poiché ha il vantaggio di una lettura più stabile e soprattutto attendibile alla virata, quando la bussola magnetica si disallinea dal nord per effetto della virata. Tuttavia il girodirezionale non sostituisce la bussola poiché ha lo svantaggio di disallinearsi dal nord in seguito alla rotazione terrestre, regolandolo quindi ogni 30 minuti circa con la manopola posta a fianco dello strumento.

Esistono poi molti altri strumenti di bordo sugli aeromobili, sia per il controllo del motore o dei motori con la rispettiva temperatura e la pressione dell’olio, dei giri delle eliche e delle turbine; ci sono poi l’indicatore per la quantità di carburante, del funzionamento della batteria e

dell’alternatore.

Oltre a tutti questi ci sono gli strumenti di navigazione per poter volare dovunque attraverso degli ausili usati come radiofari attraverso delle antenne (VOR). Ultimamente alcuni di questi strumenti sono stati sostituiti dal computer di bordo i quali li riproducono fedelmente. Ci sono gli impianti radio di bordo.

Esistono però anche delle spie di luci visibili e anche acustici tipo quello dell’avvisatore di stallo, la velocità minimo di sostentamento del velivolo, per la condotta in sicurezza del velivolo.

Concludendo tra i vari ci sono anche le manopole con indicatori per i flap, gli alettoni e le parti mobili dei velivoli durante il volo.

Facendo cosa gradita vi invio alcune foto dove potrete osservare alcuni di questi strumenti, invitandovi sempre a venirci a trovare presso l’aeroporto di Thiene, dove potrete osservare da vicino accompagnati da qualche pilota che vi introduce sui velivoli e vi risponde a tutte le curiosità.

Aeroclub Vicenza

Vi saluto cordialmente e vi aspetto il prossimo mese con altre curiosità.

Il Presidente dell’Aero Club Vicenza

Massimo Rossato

pubbliredazionale a cura di Massimo Rossato

Gruppo News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *