Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Sindaco Roberto Berti

Zanè: … e il COVID-19

Zanè: … e il COVID-19

I mesi che ci siamo lasciati alle spalle resteranno indelebili nella memoria di tutti noi. Ci siamo trovati ad affrontare un nemico nuovo, invisibile, che ha stravolto le vite di ognuno di noi modificando drasticamente le nostre abitudini, la nostra quotidianità, il nostro modo di interagire con il mondo.

A Zanè il primo caso di quel virus che sembrava così lontano è stato accertato l’8 marzo, mentre l’ultimo risale al 12 maggio. A Zanè ci sono state 19 persone positive di cui tre decessi. Dagli ultimi dati pervenuti dal Dipartimento di Prevenzione, il numero di nuovi positivi al COVID-19 residenti nei Comuni dell’ULSS7 risulta quasi azzerato e anche gli ulteriori sei casi di viaggiatori che a Zanè si trovavano in stato di sorveglianza passiva hanno concluso l’isolamento. Nel momento in cui scrivo, nessun paziente è ricoverato nel reparto di terapia intensiva o semintensiva degli ospedali di Santorso, Bassano ed Asiago.

A seguito di questi dati incoraggianti, a fine giugno è stata disattivata la C.O.C. (Centrale Operativa Comunale) della Protezione Civile la quale era stata aperta a marzo per fronteggiare l’emergenza.

Il lavoro dei volontari è stato prezioso e indispensabile e voglio ribadire, ancora una volta, il mio sincero ringraziamento e quello di tutta la P.A. ai volontari della P.C. e a tutte quelle Associazioni, Ditte, Gruppi, Negozianti e privati Cittadini per l’aiuto e la generosità dimostrata.

Ritengo opportuno segnalare anche il lavoro del Consorzio di Polizia Locale che, nel periodo dal 1° marzo al 31 maggio, ha vigilato affinché fossero rispettate le disposizioni messe in atto per contrastare la diffusione del virus.   A Zanè sono state controllate 556 persone, 471 veicoli e 16 pubblici esercizi con accertate 12 sanzioni penali e 10 amministrative.

L’epidemia sanitaria ha portato con sé anche l’aggravamento di alcune situazioni familiari, per tale motivo continuano le consegne dei buoni spesa alimentari: ad oggi ne sono stati consegnati 963 a 60 nuclei famigliari che ne avevano i requisiti (185 persone fra adulti e bambini) pari a € 24.075,00.  A questi si aggiungono i pacchi con generi alimentari o buoni da € 25 donati da nostri concittadini e consegnati ad altre famiglie bisognose.

Dall’inizio dell’emergenza ci sono state offerte in denaro fatte da singoli o da gruppi per un valore di € 1.095,00, mentre altri € 3.400,00 sono stati versati direttamente sul conto corrente del Gruppo P.C. Val d’Astico.

Tali gesti di generosità non possono che riempirci di orgoglio poiché è il segno che la Comunità è capace di stringersi attorno a chi ha bisogno, senza esitazione alcuna.

In questo momento è evidente la costante riduzione di casi, ma devono continuare a prevalere la responsabilità e il buonsenso di tutti noi per non ricadere nel dramma di un passato che non è ancora passato e può tornare. Gli organi di informazione infatti, in Italia e nel mondo, riportano ancora oggi notizie di focolai in diversi paesi: il virus è ancora capace di manifestarsi in tutta la sua pericolosità. Per contenere il contagio dobbiamo dunque continuare a prestare attenzione al rispetto delle linee guida indicate dalla Regione e dal Governo con la consapevolezza che, se non osservate, potrebbero favorire un ritorno in autunno della pandemia. Quindi cerchiamo di utilizzare dove indicato la mascherina, facendolo in maniera corretta, rispettiamo le distanze e curiamo l’igiene delle mani. Solo così potremo lasciarci alle spalle questi mesi difficili e costruire assieme una nuova normalità.

a cura del Sindaco di Zanè Roberto Berti

Zanè: … e il COVID-19

Squadra Ana Val d'Astico
Squadra Ana Val d’Astico

Gruppo News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *