Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Cupola Castello Thiene

Thiene: pronto il nuovo archivio

Pronto il nuovo archivio: accoglierà la memoria della Città

Sono stati ultimati nei giorni scorsi i lavori per la realizzazione del nuovo archivio comunale ricavato nei locali del seminterrato della Casa delle Associazioni di via Primo Maggio. L’area, di   poco meno di 300 metri quadri, è stato oggetto di un intervento di sistemazione e di realizzazione degli opportuni adeguamenti impiantistici necessari, opere che hanno richiesto un investimento di circa 200mila euro.

Si tratta di un intervento lungamente atteso, sia perché mette ora a disposizione del Comune un archivio degno di questo nome, pronto ad accogliere i numerosi documenti dell’Ente, sia perché consente di rimuovere il carico dal sottotetto del municipio, rendendo più sicura la casa municipale.

I cittadini non avranno percezione di questo investimento ma un’Amministrazione deve farsi carico anche opere che si rendono necessarie e utili, anche se non visibili. Con la conclusione dei lavori il prossimo passo è il trasferimento del materiale archivistico che sarà oggetto di un progetto specifico affidato ad esperti.

I locali sono accessibili sia dall’esterno, grazie ad una rampa, che dall’interno; sono dotati di impianti per il rilevamento del fumo e antincendio e sono attrezzati con armadiature idonee a conservare i faldoni e le buste.

Dal 1915 ad oggi, infatti, la viabilità e i servizi al cittadino, la vita edilizia, urbanistica, commerciale e scolastica, l’attività di polizia urbana e molto altro, sono stati tutti disciplinati, autorizzati o, in qualche modo, indirizzati da centinaia e centinaia di delibere, ordinanze, provvedimenti emessi negli anni da amministratori e impiegati comunali. Una quantità di materiale che, avendo la qualifica di bene culturale, deve essere custodito ed è tutelato dalla Soprintendenza Archivistica. Accanto all’archivio storico, che raccoglie tutti gli atti con un’età superiore ai 40 anni, c’è poi quello che viene definito “archivio di deposito”, con materiale più recente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *