Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

L’Arte del riposo: materassi detraibili fiscalmente, quali sono?

Se siete alla ricerca di un materasso nuovo, avrete senz’altro sentito parlare di materassi medicali detraibili fiscalmente, in questo articolo cercherò di spiegarvi di cosa si tratta.

Come ha ben chiarito il Ministero della salute, per poter recare la marcatura CE qualunque dispositivo medico deve corrispondere ai cosiddetti «requisiti essenziali» di sicurezza e di efficacia.

La spesa per l’acquisto di un materasso è detraibile se il materasso è ad uso terapeutico.

Intanto è importante chiarire che non tutti i materassi sono deducibili, lo sono solo quelli dichiarati “dispositivi medici”, marcati CE classe 1.

“Un Materasso è un “Dispositivo Medico CE in Classe 1” quando le materie prime utilizzate sono state sottoposte a test da laboratori esterni certificatori, e quando il sistema di costruzione è stato protocollato, sino ad ottenere la marcatura CE, e la classificazione di materasso “antidecubito” ed il sistema di costruzione è stato registrato presso il Ministero della Salute”.

Un fabbricante di materassi di classe I, potrà marcare CE il suo prodotto ed immetterlo in commercio solo dopo aver redatto una dichiarazione di conformità CE ai requisiti essenziali, in base all’allegato VII del D.Lgs.46/97.

Tutti i materassi che sono iscritti dal nomenclatore come Dispositivi Medici CE in Classe 1 “antidecubito” è possibile fruire della detrazione del 19% per gli aventi diritto.

Scelto il materasso più adatto, o il piano letto, (si perché ci sono anche alcuni reti a doghe marcate CE classe 1), per essere sicuri di ottenere la detrazione, la procedura corretta è la seguente:

Le concrete modalità operative possono variare (anche di anno in anno) ma, comunque, occorre sempre tenere a disposizione dell’Agenzia delle entrate la prescritta documentazione:

  • la prescrizione medica o, in alternativa, un’autocertificazione sulla necessità di dover usufruire di un materasso-dispositivo medico redatta prima della fattura d’acquisto;
  • una certificazione del produttore relativamente alla sua natura di presidio medico;
  • la fattura (od altro documento equivalente) intestata al contribuente, attestante l’ammontare della spesa ed il tipo di materasso acquistato.

Questa documentazione dovrà essere conservata ai fini fiscali, come la relativa dichiarazione dei redditi (Mod. 730, od Unico).

Da noi potrete trovare molti modelli deducibili fiscalmente e realizzati per alleviare, migliorare e favorire il riposo e renderlo sano e rigenerante.

Venite a trovarmi, vi aspetto.

pubbliredazionale a cura di Simona Matera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *