Scelti per voi

La tua vetrina online

Gruppo News

Quotidiano online

Pianeta sport: Thiene sul filo del Lane

Pianeta sport: Thiene sul filo del Lane

Lo scorso anno leggevo, sulla pagina sportiva del quotidiano locale un articolo titolato “Le due bandiere” corredato da alcune foto che descrivevano l’incontro tra Mimmo Di Carlo, trainer del l.r. Vicenza vincitore del campionato odierno di Serie C e Umberto Gagliardo, classe 1929, il più longevo e in forma ex giocatore del Lanerossi del tempo che fu. Questo fatto mi dà modo di ricordare agli sportivi berici, che tra le Società calcistiche succedutesi nel nome del Vicenza è quelle del Thiene c’è sempre stato un sottile filo biancorossonero che dagli albori della storia le ha di fatto sempre legate. E non solo per il fatto d’avere partecipato negli stessi campionati primordiali, ma anche, in doppio senso, nello scambio di giocatori ceduti o prestati. Perciò voglio rammentare che la gamma degli atleti militanti nelle due squadre va da Livio Gemmo, classe 1898, a Luca Rigoni 1984, passando per Antonio Leder, Guido Miotto, Tino Foscarini, Mario Rizzi, Marcello Filippi, i fratelli Giuseppe “Gemple” e Giovanni “Neno” Fabris, Silvano Chiumento “Sipe” , Valentino “Tino” Sardei, Toto Rondon, Mauro Zironelli, Francesco Maino, Alberto Briaschi, Alain Borriero e Yuri Andretta e scusate se ne dimentico molti altri. Non posso non citare, però, Pieraldo Dalle Carbonare, già Presidente del Vicenza Calcio ed Enzo Manuzzato, responsabile del settore giovanile, in quanto miei compagni di squadra rossoneri del Thiene nei primi anni ’70. Anche sul piano dei tecnici  la simbiosi non è da meno, visto che i rossoneri hanno avuto come allenatore-giocatore un campione mondiale (1934 e 1938) come Gino Colaussi, in biancorosso dal 1942 al 1945 e Guerrino Carraro(a Vicenza nel 1941-42 e dal 1946 al 1948) e poi, come coach di Serie D, gli ex Gigi Menti e Gianfranco Volpato che non hanno bisogno di alcuna presentazione per rispolverare gloriose memorie più recenti. Ma per rimanere sul tema del simpatico incontro tra l’attuale allenatore del Lanerossi, appena promosso in Serie B, Mimmo Di Carlo e la “vecchia” gloria Umberto Gagliardo, voglio solo ricordare un altro nome di prestigio che evoca nei tifosi berici grande nostalgia: parliamo di Umberto Menti chiamato con riverenza nel mondo della pelota vicentina “ Sior Berto”. Nel campionato Promozione 1950-51, el Sior Berto sedette in campo sulla panchina dello Stadio “Miotto” di Thiene portando con sé e inserendoli nella sua squadra rossonera ben cinque giovani atleti provenienti dal Vicenza, tra i quali figurava, appunto, anche il “nostro” Umberto Gagliardo. Gli altri quattro giocatori che dobbiamo citare per dovere di cronaca e immortalati nella foto di quel campionato sono: Carta, Centofante, Tabacco e Gianesello.  Umberto Gagliardo rimase in rossonero, giocando da centromediano, per quattro stagioni di seguito, campionato 1953-54 compreso.

Ebbene, ai primi di luglio 2019 c’era stata pure la cena d’incontro di presentazione della squadra rossonera del Thiene, militante in Seconda categoria e classificata terza alla fine del campionato cristallizzato dal Covid 19. In quella occasione era stata presentata anche una nuova muta di maglie da usare fuori casa. Ebbene il filo biancorossonero vicentino non si è ancora spezzato visto che la scelta della divisa da trasferta è caduta su una maglia a tinte biancorosse verticali dove campeggia lo scudetto ovale rossonero del Calcio Thiene. Una sorta di grande voglia inconscia di riscatto per la Nobile prima squadra di Provincia fresca di promozione alla Serie Cadetta. Rammentando i vecchi tempi incitiamo entrambe le squadre: Forza Lane e forza Thiene!!!

a cura di Giuseppe (Joe) Bonato

Pianeta sport: Thiene sul filo del Lane

Pianeta sport luglio 2020

Gruppo News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *